FUOCOfuochino

La più povera casa editrice del mondo!

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
STEFANO TONIETTO PDF Stampa E-mail
Scritto da Afro Somenzari   
Venerdì 07 Dicembre 2018 00:00

Stefano Tonietto è mezzo salentino, benché nato a Padova, città la cui fondazione mitica non ha cantato in un poema in esametri, l'Antenoreide. Il suo cognome deriva da un Tonieto, agricoltore che morì nel 1476. Insegna a liceali classici e apprende da loro. È stato lui che ha scritto Olimpio da Vetrego. Ha inventato una disciplina, la Filologia Ricostruttiva, finalizzata a colmare creativamente le lacune della produzione letteraria altrui. Attualmente si occupa di Filologia Ricostruttiva Romanza, componendo nei volgari italiani rime che non sono mai state scritte ma che avrebbero potuto. Non ha più la colecisti ma tira avanti. L'anagramma del suo nome, secondo Renato De Rosa, è: Fa inetto sonetto. Per FUOCOfuochino ha pubblicato La parola non trovata. Un Gozzano moderno (2016) e per Quodlibet Letteratura latina inesistente (2017).


Ritorna agli Autori

Ultimo aggiornamento Venerdì 07 Dicembre 2018 12:40
 

Anche se non ce n'era un gran bisogno è nata

FUOCOfuochino

la più povera casa editrice del mondo.

www.FUOCOfuochino.it

Ultimo evento

UTENTI ON-LINE

 19 visitatori online

AREA RISERVATA


CASA EDITRICE

Banner

DISTRIBUZIONE CORRAINI

Banner

Copyright (c) 2012. FUOCOfuochino-Viadana (MN): f.lotito

cookieassistant.com
Utenti online